BeBorghi | Come ottenere un rimborso per un volo in ritardo o cancellato - by BeBorghi

Come richiedere un rimborso per un volo in ritardo o cancellato

    Volo in ritardo: cosa fare?

    Dopo quest’ultimo volo per il Cile ho dovuto accettare definitivamente che tra me il Brasile non c’è feeling…perlomeno per quanto riguarda i voli. Quando andai in Brasile 11 anni fa avevo comprato diversi voli con (l’allora) compagnia di bandiera, la Varig, che aveva visto bene di fallire esattamente nelle date intorno alla mia partenza. Tutti i miei biglietti si erano trasformati in carta igienica! Per miracolo ero riuscita ad arrivare a San Paolo ma il viaggio era partito decisamente in salita, avevo dovuto rifare tutto il programma di viaggio e ricomprare 3/4 dei voli!

    Per il viaggio in Cile il mio destino si è incrociato di nuovo con le compagnie aree brasiliane, questa volta con LATAM. Ho trovato un biglietto conveniente su Santiago con scalo a San Paolo e non me lo sono lasciato sfuggire.  Il giorno della partenza sono arrivata in aeroporto a Malpensa 3h prima (come richiesto dalla compagnia) per scoprire solo in quel momento che il mio volo avrebbe avuto ben 5h di ritardo! Dalle 20:40 la partenza era stata spostata all’1:45. Ovviamente nessuno ci aveva avvisato.

    Senza farmi prendere dallo sconforto mi sono messa in coda per il check-in e ho iniziato a studiare quali fossero i miei diritti in questi casi. Tempo di arrivare davanti all’impiegata..e avevo il sorriso stampato sulle labbra. Stavo per volare gratis! Ebbene sì, dopo 4 h di ritardo, nel caso di un volo internazionale superiore ai 3500 km con partenza dalla Comunità Europea, la compagnia è obbligata a risarcirti con un indennizzo di ben 600 euro (trovate tutto nella Carta dei Diritti dei Viaggiatori, pagina 8 ) e il volo mi era costato giusto 607 euro. Oltre all’indennizzo, la compagnia è tenuta a riproteggerti su un altro volo (che nel mio caso riguardava il volo in coincidenza San Paolo- Santiago) e darti almeno un buono pasto. Se il ritardo riguarda una notte intera (o quasi) deve fornire anche la sistemazione in hotel e i trasferimenti. 

    Il rimborso scatta dopo due, tre o quattro ore di ritardo nel caso, rispettivamente,  di voli inferiori ai 1500 km, voli compresi tra i 1500 e i 3500 km, oppure superiori ai 3500 km.

    La compagnia può ridurre l’ammontare della compensazione del 50% nel caso in cui al passeggero venga offerta la possibilità di viaggiare su un volo alternativo il cui orario di arrivo non superi, rispetto al volo originariamente prenotato, rispettivamente le due, le tre o le quattro ore per voli inferiori ai 1500 km, voli compresi tra i 1500 e i 3500 km, oppure superiori ai 3500 km.

    In generale, potete far riferimento a questa tabella :

    rimborso ritardo aereo

    Volo cancellato: cosa fare?

    Se il volo viene cancellato potete scegliere tra il rimborso del biglietto o la riprotezione su un volo in una data successiva più conveniente per voi, in condizioni di viaggio comparabili.

    In alcuni casi c’è anche un indennizzo (le cui cifre sono le stesse della tabella qui sopra), ma non è scontato. 

    L’indennizzo infatti non è dovuto se si verificano queste condizioni:

    • la compagnia aerea può provare che la cancellazione del volo è stata causata da circostanze eccezionali: ad esempio avverse condizioni meteorologiche, allarmi per la sicurezza, scioperi 
    • il passeggero è stato informato della cancellazione: 
    1. con almeno due settimane di preavviso 
    2. nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima della data di partenza e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di due ore prima rispetto all’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo quattro ore dopo l’orario originariamente previsto
    3. meno di sette giorni prima e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo con partenza non più di un’ora prima dell’orario originariamente previsto e con arrivo presso la destinazione finale al massimo due ore dopo l’orario originariamente previsto

    Come richiedere il rimborso

    Se rientrate in uno dei casi sopracitati di ritardo o cancellazione del volo dovete fare richiesta di indennizzo alla compagnia utilizzando il form online che trovate sul loro sito o chiedendo al Customer Service/Assistenza l’indirizzo a cui mandare la richiesta  (es. per LATAM c’è questo form online molto semplice ). La richiesta va fatta entro pochi giorni dalla data del volo, massimo una settimana diciamo. Se non ricevete alcuna risposta dalla compagnia potete utilizzare questo altro modulo (che li spaventerà molto di più!). Se non vi rispondono entro 60 giorni siate autorizzati a spedirlo direttamente all’organo competente (nella Carta dei Diritti dei Viaggiatori trovate l’elenco completo degli organi competenti per ciascun paese- Pag. 15). Con le buone o con le cattive la compagnia è tenuta a pagare!

    Ribadisco, quanto detto fin ora è valido solo per i voli con partenza da un paese che fa parte della Comunità Europea. Se vi dovesse capitare su un volo con partenza da un paese extra-europeo dovrete cercare la normativa vigente in quel determinato paese. 

    Flightright  e Paymeback

    Se siete pigri o poco pratici potete rivolgervi ad uno dei diversi servizi online specializzati che gestiscono le pratiche relative a ritardi/cancellazioni voli come Flightright o Paymeback. Funzionano molto bene!

    Vi basterà compilare un modulo online e gestiranno la pratica per voi in cambio di una percentuale sull’indennizzo (che di solito si aggira sul 25%).

    Leave a Comment

    Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.