BeBorghi | Mangiare fuori Milano:le mie 10 cascine preferite - by BeBorghi

Mangiare fuori Milano: le mie 10 cascine preferite

30 settembre 2016

    Non c’è niente da fare, anche i metropolitani più incalliti (come la sottoscritta) hanno bisogno di allontanarsi dalla città almeno nel week-end, anche solo per mezza giornata.

    Le città ci abbrutiscono un po diciamocelo, ma basta una mangiata casereccia fuori Milano per farci sentire in armonia con il creato. D’altronde quando ti ritrovi con le gambe sotto al tavolo davanti ad un piatto di pizzoccheri che trasudano burro come fai a non esserlo?

    Nei dintorni di Milano è pieno di cascine, di fattorie e di baite in cui si può ancora trovare la cucina genuina di una volta, quella della nonna per intenderci, fatta di ricette semplici ma con prodotti di altissima qualità e a kilometro zero.

    Ne ho selezionate 10, rigorosamente testate da me:

    1) Cascina Gaggioli

    Questa cascina si trova in zona via dei Missaglia (praticamente in città!) ed è perfetta per gli amanti della griglia. 

    Qui si allevano bovini e si coltivano 44 ettari coi principi dell’agricoltura biologica (certificata), producendo foraggi, riso, grano e mais da polenta, il tutto acquistabile nella bottega all’interno (il sabato con orario continuato 9-19).

    Ogni sabato è possibile prenotare per un massimo di due tavoli (circa 20 persone) per grigliate fai-da-te sotto il portico nella cascina o direttamente sul prato (al prezzo di 3 euro a persona). Si può (e si deve) comprare da loro la carne (ottima!), la verdura, l’ acqua e il vino e loro forniscono posate, bicchieri, condimenti e tutto quello che serve. L’ambiente è decisamente bucolico. 

    Cascina Gaggioli

    Via Selvanesco 25, 20141 Milano

    Tel. 02 55231905 

    2) Cascina S. Ambrogio 

    Anche questa cascina è veramente a due passi da Milano, poco chilometri dopo Gaggiano. È immersa nel verde e ci sono tantissimi animali.  

    Propongono un menù fisso al costo di 32€ che comprende un ricco e ottimo antipasto, due primi, un secondo con contorno e dolce. Pane,acqua e bottiglia di vino sono inclusi. I gestori sono molto gentili e passano addirittura a chiedere il bis! Se riuscite a finire tutto siete degli eroi. Memorabile il gelato al grana e il cotechino in crosta con crema di piselli!

    Cascina S.Ambrogio

    Strada Prov. 38, 20088 Rosate 

    Tel. 02 90849420

    3) Cascina Guzzafame

    Se ben ricordate, vi avevo già parlato della cascina Guzzafame nell’articolo “Quando la gita fuori porta è gourmet”, in occasione dell’apertura del ristorante “Ada e Augusto”. Ma la cascina Guzzafame è anche un’azienda agricola dedicata alla coltura bio di frumento e farina, alla produzione di ortaggi e all’allevamento di vacche da latte da oltre 30 anni. È una cascina molto grande e attiva che organizza tantissime attività per adulti e bambini che vanno dalla Fattoria Didattica, alle lezioni di Yoga, alle sedute di Pet Therapy con gli asini e tante altre. Nel “grande ristorante di campagna” come ama definirlo la famiglia Monti, potete assaggiare i piatti classici della tradizione lombarda cucinati con ingredienti tutti rigorosamente a km zero (che trovate in vendita nella bottega). Il menù agrituristico costa 30 euro più bevande e include diversi assaggi di antipasti, un bis di primi, secondo e dolce cucinati dal grande chef giapponese Takeshi (sì, avete capito bene..).

    Cascina Guzzafame

    Località Cascina Guzzafame, 20083 Gaggiano (MI) 

    Tel: 331 6383207

    4) Cascina Selva

    Se volete ritrovare il contatto diretto con la natura e con gli animali Cascina Selva è proprio quello che fa per voi! La famiglia Sala porta avanti da anni quest’attività con l’intento di farci rivivere i valori della civiltà contadina e farci riscoprire la campagna lombarda attraverso i suoi prodotti d’eccellenza e l’organizzazione di diverse attività (es. la fattoria didattica). Il punto di forza della cascina è sempre stata la produzione di latte e qui è possibile assaggiare tantissimi formaggi sia freschi che stagionati, tutti rigorosamente bio. Si pranza nella vecchia stalla ristrutturata (90 coperti) o in veranda (40 coperti) e il menù degustazione (30 euro bevande escluse) comprende antipasti misti, due primi piatti, un secondo di carne con contorno di stagione , un secondo di formaggi abbinati ad una composta, e due dolci più crema.

    Cascina Selva

    Via Cascina Selva 1, 20080 Ozzero

    Tel. 02 9407039 o 392 3434416 

    5) Agriturismo Granai Certosa 

    Questa antica cascina si trova a pochi chilometri dall’Abbazia della Certosa di Pavia ed era, in passato, il convento di S. Maria delle Cacce, storicamente utilizzato come granaio a servizio delle terre dei monaci. Oggi la cascina è un’ azienda agrituristica che propone e vende i suoi prodotti, in particolare riso, salumi, confetture, frutta, verdure e miele. Le sale in cui si pranza sono rustiche ma curate e la cucina offre un menù con piatti tipici della tradizione pavese. Il menù degustazione (35 euro bevande e  incluse) comprende antipasti misti, due primi, un secondo con contorno, dolce e caffè.

    Se volete sentirvi meno in colpa per la linea potete raggiungere la Cascina in bici (come ha fatto la sottoscritta) utilizzando la ciclabile del naviglio pavese. È una gita molto bella! La pedalata a pancia piena mette a dura prova anche i più sportivi ma ne vale la pena.

     Agriturismo Granai Certosa

    Cascina Tirogno 6/A, Frazione Torriano – 27012 Certosa di Pavia (PV)

    Tel 0382 925598

    6) Agriturismo La Favorita

    Questo agriturismo è un’istituzione del piacentino da anni oramai. È adagiata sopra un colle da cui si gode una magnifica vista della campagna circostante ed è possibile fare passeggiate a cavallo nei dintorni e altre attività all’aria aperta, senza dimenticare che si mangia benissimo. I piatti proposti fanno parte dell’antica tradizione piacentina e spaziano dagli antipasti con i salumi e il classico gnocco fritto, ai primi come i tortelli ricotta e spinaci o i miei amati pisarei e fasò, e i secondi come la faraona o lo stinco di maiale (anche i dolci non sono da meno).  Il menu degustazione (38 euro) è formato da antipasti misti, due primi, due secondi, dolci, caffe e amari. Un consiglio, limitatevi con gli antipasti altrimenti non arrivate vivi al dolce! PS prenotate con molto anticipo!

    Agriturismo La Favorita

    Loc. Bicchignano – Villò di Vigolzone (Piacenza) 

    Tel: 0523 877412 –  339 1891385

    7) Baita Monte Goj

    Questa baita si trova a pochi chilometri da Como ed immersa in un fitto bosco all’interno del parco naturale Spina Verde. Per raggiungerla si deve parcheggiare e poi salire a piedi per 1,2 km: un piccola camminata nel bosco che vi farà arrivare ancora più affamati! Tranquili, per i più pigri non manca il servizio Jeep gratuito. Si può mangiare sia nelle sale interne dall’ambiente familiare e curato, che sui tavoli all’aperto nella terrazza o tra gli alberi del parco (se la stagione lo permette). Io ci sono stata in autunno e lo spettacolo delle foglie gialle, verdi e rosse è megnifico; con pochi passi a piedi da lì poi si raggiunge un piccolo belvedere da cui si vede il lago. La proposta include piatti della tradizione del Nord Italia, preparati freschi (non si servono prodotti surgelati e non si surgela niente, ogni settimana preparano espresso in base al numero di prenotazioni).  Si può scegliere tra un menù degustazione (27 euro bevande incluse) che comprende antipasti, due primi e un secondo con contorno, oppure il menù alla carta.

    PS Amanti della selvaggina udite udite! Da pochi giorni qui trovate anche la carne di cervo. Questa carne non proviene da allevamenti ma solo dalle Prealpi Comasche e viene acquistata direttamente dai cacciatori con regolare licenza (solo capi in esubero che vengono abbattuti all’interno del piano di abbattimento controllato)

    Baita Monte Goj

    Via alla Zocca, 33, 22100 Como

    Tel: 349 10464.82

    8) Agriturismo La Selvaggia 

    Vi dico solo che per mangiare in questo agriturismo a gestione familiare dovete prenotare con diverse settimane di anticipo!

    Questo ve la dovrebbe dire già molto lunga. La Selvaggia si raggiunge solo a piedi, c’è una camminata di 10 minuti da fare  lungo una mulattiera, ma la vista che vi si apre davanti all’arrivo vale il viaggio! Il panorama sul lago di Lecco e sulle montagne che lo circondano è veramente strepitoso. È possibile mangiare fuori o nella piccolissima saletta (e questo spiega in parte la prenotazione super-anticipata, ma non solo..) e l’accoglienza di Firmino, il proprietario, è difficile da dimenticare. C’è un menù a 25 euro (tutto compreso!) che include antipasti, primi e secondi del giorno. Consigliatissimi i risotti, gli stufati e la grigliata. Un posto in cui si va e si ritorna sempre, qui ci si sente proprio a casa!

    Agriturismo La Selvaggia

    via Santa Mari snc – Frazione Somana – 23826 – Mandello Del Lario (Lecco)

    Tel. 39 3381740083

    9) Cascina Caremma

    Questa bella cascina alle porte di Milano è un po atipica rispetto alle altre: è una situazione agricola e campestre ma chic. La cascina nasce principalmente come azienda agricola in cui si producono riso, frumento, orzo, mais, granoturco da polenta, mais da granella che vengono coltivati con tecniche tipiche della tradizione, come la rotazione agricola. Allo stesso tempo però è anche un albergo eco-chic realizzato dalla ristrutturazione delle antiche abitazione dei braccianti, degli affittuari e da un vecchio granaio. 

    Qui si viene per una giornata (o per un week-end) di relax a 360 gradi. La Cascina ha anche un centro benessere che include piscina coperta, idromassaggio, sauna e bagno turco. 

    Per quanto riguarda l’offerta culinaria si può mangiare sia nel Ristorante Naturale che nel Bistrot. Il Ristorante Naturale propone una cucina tradizionale rivisitata e il menù degustazione (32 euro, bevande e caffè escluso) comprende 13 portate, antipasti, 2 primi, secondo con contorno, selezione di formaggi e dolce (tutto con ingredienti a chilometro zero). Nel Bistrot invece si può scegliere alla carta. Le combinazioni e i pacchetti pranzo/cena+spa sono tantissimi..ma bisogna prenotare con un discreto anticipo, soprattutto in inverno.

    Cascina Caremma

    Via Cascina Caremma, 2 – 20080 Besate (MI)

    Tel.  02 9050020

    10) Ristorante Capanna Gigliola 

    Per raggiungere questa baita ci vuole un po più di tempo ma ne vale la pena, soprattutto se riuscite ad approfittarne per vedere i dintorni, come l’Eremo di S.Caterina del Sasso. Il Ristorante Capanna Gigliola si trova infatti sopra il lago Maggiore di cui si gode una vista magnifica dalla terrazza del ristorante. Si può mangiare sia in terrazza, d’estate, che all’interno, nella grande taverna in stile montanaro davanti al camino scoppiettante. Ci sono due menù fissi (un più light a 25 euro e uno più carico a 30 euro, sempre  bevande escluse) oltre a varie specialità alla carta. La cucina è casalinga con antipasti a base di salumi, sottoli e sottaceti, pasta fatta in casa, polenta con selvaggina, funghi porcini, grigliate, dolci, e  gelato artigianale fatto con il latte di capra. Il pasto si chiude naturalmente con le grappe artigianali (ottime!) e il famosissimo caffè alla valdostana nella coppa dell’amicizia. È un ristorante che si presta molto bene ad ospitare tavolate.

    Ristorante Capanna Gigliola

    Frazione Casere, 2, 21014 Laveno-Mombello (VA)

    Tel. 0332 602266

    Leave a Comment

    Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.