Cosa vedere in Andalusia in 7 giorni: itinerario e consigli

L’Andalucia è indubbiamente tra le regioni più belle della Spagna e, con le sue tradizioni e la sua cultura, incarna appieno la vitalità di questo paese. Sono nati qui il flamenco e la corrida e probabilmente anche lo spirito sornione e festaiolo che caratterizza un po’ tutta la Spagna. L’Andalusia è la regione più povera del paese (la sua economia si basa unicamente sul turismo e sull’agricoltura), ma è la più ricca di patrimoni dell’Umanità UNESCO e di tradizioni. Non mancano anche le spiagge e diversi parchi naturali, ma se avete una settimana a disposizione dovrete decidere se dedicarvi alla cultura o al mare/natura. L’itinerario che vi propongo, fatta eccezione per il Caminito del Rey, è dedicato interamente alla visita culturale della regione e delle sue città più rappresentative: Malaga, Siviglia, Cordoba e Granada.

Come e dove arrivare in Andalusia

Dall’Italia è possibile raggiungere l’Andalusia con voli diretti su Malaga, Siviglia e Granada. Malaga è la città meglio servita, con diverse compagnie che offrono almeno un volo al giorno (spesso anche due) da diverse città italiane. Siviglia e Granada sono invece raggiungibili solo volando con compagnie low cost (Ryanair, ecc).

Come spostarsi in Andalusia

In auto. Il modo migliore per spostarsi in totale libertà è quello di noleggiare un auto, soprattutto se volete percorrere il Caminito del Rey.  Le distanze tra una città e l’altra sono contenute (200 km al massimo), le strade sono in buono stato e non ci sono pedaggi da pagare. Se, come ho fatto io, iniziate l’itinerario ad anello partendo da Malaga, potete noleggiare l’auto in aeroporto o in centro città, presso la stazione di Málaga-María Zambrano. Io di solito uso il sito di Rentalcars. Se scegliete degli alloggi nei centri cittadini (quasi sempre chiusi al traffico) dovrete parcheggiare l’auto in uno dei tanti parcheggi a pagamento che si trovano nel centro o nelle immediate vicinanze (il cui prezzo si aggira intorno ai 25-30 euro/auto/giorno). Questo è particolarmente importante per tutte le città, e fondamentale a Granada! Se parcheggiate fuori dai parcheggi controllate che non ci siano tagliandini da pagare e che sia effettivamente consentito. In caso contrario portano via le macchine dopo pochi minuti; in generale è altamente sconsigliato non usare i parking a pagamento. Spesso gli alberghi sono convenzionati con alcuni parcheggi, quindi vi conviene telefonare prima per sapere in quale parcheggio andare, almeno eviterete perdite di tempo inutili.

In treno o bus. Tutte le città sono collegate tra loro anche da una rete ferroviaria e di autobus. Spostandovi così però avrete qualche difficoltà per visitare il Caminito del Rey (ma risparmierete sicuramente, soprattutto se sceglierete il bus). Il Caminito è infatti raggiungibile in treno dalla stazione di Malaga-Maria Zambrano (ci vogliono circa 40 minuti) ma, piccolo dettaglio, c’è solo un treno al giorno e sempre uno al giorno per tornare a Malaga.

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Granada in 2 giorni

Quando andare in Andalusia

Il giro dell’Andalusia è un viaggio che si può fare tutto l’anno, ma i periodi migliori sono sicuramente le stagioni intermedie, soprattutto la primavera, quando tutti i giardini degli alcazar e dell’Alhambra sono in fiore e le temperature sono miti. All’interno della primavera, c’è un picco di altissima stagione durante le vacanze pasquali (la famosa Semana Santa) in cui i prezzi si impennano. In inverno le giornate sono soleggiate e calde nelle ore centrali, ma diventano rigide (fino ad arrivare a zero gradi) la sera e la mattina presto, soprattutto a Cordoba e  Granada. In estate fa davvero caldissimo! A Siviglia possono superare i 40 gradi e girare con queste temperature può diventare proibitivo; di contro, in estate ci sono le ferias, le feste tradizionali tipiche del Andalusia.

L’assicurazione medico-bagaglio per la Spagna

Essendo in Europa, come cittadini italiani abbiamo diritto all’assistenza sanitaria, ma ci sono delle condizioni precise e dei massimali. Il mio consiglio è quello di fare comunque una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio. Io mi trovo molto bene con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farlo dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio e vi manderanno una mail con le proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!). 

Viaggio in Andalusia di 7 giorni: l’itinerario dettagliato

Giorno 1 – Volo su Malaga e giro della città
Giorno 2 – Caminito del Rey
Giorno 3 – Siviglia
Giorno 4 – Siviglia- spostamento a Cordoba
Giorno 5 – Cordoba- spostamento a Granada
Giorno 6 – Granada
Giorno 7 – Ritorno a Malaga (+ Nerja) e volo di ritorno


Zoom sulle città principali del viaggio:

In questi tre articoli troverete tutte le informazioni città per città, su cosa vedere, dove dormire, dove mangiare ecc.


Cose da fare prima di partire per un viaggio in Andalucia

Viaggiare in Andalucia richiede un minimo di organizzazione pre-partenza perché ci sono diverse cose da prenotare assolutamente con un certo anticipo (anche 1-2 mesi nei periodi di alta stagione). In particolare, le attrazioni che vanno prenotate prima per essere di sicuri di poterle visitare sono:

Dove dormire in Andalusia

  • Malaga Urban Rooms (Malaga) : appartamenti carini di vario taglio (da 2 a 4/6 persone) in una delle piazze principali del centro storico. Molto comodi per muoversi poi a piedi in tutto il centro.
  • Alcazaba Premium Hostels (Malaga) : questo design hostel si trova proprio davanti al teatro romano e ha un bellissimo rooftop bar (chiamato Batik) con vista sull’Alcazaba e sul Castillo. Ha sia camerate (da 4 a 10 posti letto) che camere doppie con bagno privato .
  • Patio de la Cartuja (Siviglia) : ha sia appartamenti di varia metratura carini, silenziosi e super accessoriati che camere di hotel. La struttura si trova leggermente defilata dal centro (che si raggiunge con 20’ a piedi), nel barrio Macarena, e intorno è pieno di bar e ristoranti. Proprio sotto la struttura c’è un piccolo parcheggio a pagamento.
  • Los Patios (Cordoba)   : hotel centralissimo (si trova proprio davanti all’ingresso della Mezquita), con le stanze che si affacciano su un piccolo patio interno. Molto carino e comodo. C’è anche una bella terrazza.
  • Abadia (Granada) : bella struttura nel quartiere di Triana. Occupa un edificio restaurato del 16° secolo ed è molto comoda perchè a 10 minuti a piedi dalla Cattedrale di Granada.
Foto dell'autore
Scritto da:
Mi chiamo Valentina e sono una travel blogger full time dal 2018. Sono anche una nomade digitale e trascorro buona parte dell’anno in viaggio, da sola o accompagnando gruppi in giro per il mondo. Amo i vulcani, i deserti, il Sudamerica e l’Asia Centrale, amo i gatti, New York, l’astronomia, e la musica elettronica. Il mio viaggio della vita? Decisamente l’Antartide!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.