Cosa vedere in Slovenia: 15 luoghi da non perdere

Nonostante le sue dimensioni ridotte, la Slovenia offre una grande varietà di attrazioni, dai paesaggi naturali spettacolari ai siti storici e culturali, fino alle città moderne e vivaci. Quello che però la contraddistingue particolarmente è il fatto di essere uno dei Paesi più verdi e sostenibili d’Europa. L’attenzione all’ambiente e alla sostenibilità è tangibile ovunque, anche nelle piccole cose, e spero davvero che altri paesi (Italia inclusa) la prendano da esempio. In Slovenia si può vedere e si può fare un pò di tutto: ci sono le montagne (le Alpi Giulie) per gli sport invernali, spettacolari grotte e fiumi sotterranei, colline coltivate a vigneti, castelli, laghi, città d’arte, terme, spiagge e mare. In pochi chilometri e in poco tempo si può cambiare completamente paesaggio ed atmosfera! In questo articolo ho quindi raccolto i 15 luoghi più interessanti da vedere in Slovenia secondo me, oltre che diverse informazioni pratiche.

Lago Jasna - Kranjska Gora

Come spostarsi in Slovenia

Il modo migliore per spostarsi in Slovenia è sicuramente l’auto, per avere tutta la flessibilità del caso e riuscire a raggiungere ogni angolo del paese senza perdere tempo. Dal nord Italia potete facilmente raggiungere la Slovenia con la vostra auto (se ne avete una). In questo caso dovrete solo assicurarvi di acquistare online prima di partire la ‘vignetta‘, ovvero quel pezzettino di carta fondamentale per poter varcare i confini e circolare sulle autostrade slovene.

Se non avete una macchina, vi consiglio di raggiungere Lubiana (da Trieste c’è sia il treno che Flixbus) e poi noleggiare un auto una volta arrivati lì. Per il noleggio auto io uso sempre il sito Discovercars; per evitare fregature comunque, ricordatevi di controllare sempre il voto e le recensioni che gli utenti danno alle varie compagnie di autonoleggio. Li trovate sul sito stesso di Discovercars, ma potete fare un doppio controllo anche su Trustpilot. Le strade in Slovenia sono buone e ben tenute, anche in inverno, con la neve. Chiaramente controllare che l’auto abbia delle gomme da neve se ci andate in inverno.

Dove dormire in Slovenia

Come vi dicevo anche nel paragrafo introduttivo, la Slovenia è un paese molto piccolo, con la maggior parte delle strade che si intersecano a Lubiana. Idealmente si può usare la capitale come base per esplorare tutto il resto del paese, ma se volete avere un’esperienza a tutto tondo vi consiglio maggiormente di spostarvi ogni giorno e dormire in una struttura diversa. La scelta è davvero ampia e si va dai magnifici glamping (in Slovenia ce ne sono tantissimi!), agli chalet di montagna, per arrivare agli hotel di lusso con centro termale annesso. Qui sotto trovate elencate diverse strutture in cui ho alloggiato in Slovenia e che vi consiglio:

  • B&B Hotel Ljubljana Park (Lubiana): camere spaziose e pulitissime e colazione a buffet molto ricca. Si trova vicino alla stazione dei treni e degli autobus.
  • Hostel Tresor (Lubiana): ostello centralissimo, a due passi dalla piazza Prešeren e dal ponte Triplo. Sono disponibili sia letti in camerata che camere private. La struttura è moderna e lo staff super disponibile.
  • Jasna Chalet Resort (Kranjska Gora): chalet in legno completamente ecologici e sostenibili che si affacciano sul lago Jasna. Un posto da fiaba!
  • Triangel Boutique Hotel (Kranjska Gora): hotel nuovissimo con camere ed appartamenti ampi e di design e un ottimo ristorante gourmet.
  • Hotel Spik (Kranjska Gora): hotel storico con un grande centro benessere, una bellissima vista sul Triglav ed ogni tipo di servizio. 
  • Rimske Terme Hotel (Rimske): hotel storico ristrutturato di recente con suite da sogno e un bellissimo centro termale.
  • Hotel Triglav (Bled): hotel storico di grande fascino con vista sul lago, centro benessere, cantina e ristorante gourmet.
  • Hotel Grahor (Carso Sloveno): hotel carino e comodo per visitare il Carso Sloveno, con un nuovissimo centro benessere e un ottimo ristorante 
  • Big Berry Glamping (Bela Krajina): bungalow sostenibili immersi nella natura, sul fiume Kolpa. Trovate maggiori info in questo articolo
Jasna Chalet Resort
Jasna Chalet Resort
Rimske Terme Hotel - Slovenia
Rimske Terme Hotel
Big Berry glamping slovenia
Big Berry Glamping

Cosa vedere in Slovenia: 15 luoghi bellissimi da non perdere

1. Lubiana

Lubiana, la capitale della Slovenia, è sicuramente la prima cosa da vedere. Situata proprio al centro del paese, a Lubiana c’è l’intersezione di tutte le strade principali della Slovenia quindi vi troverete a passarci più volte durante il vostro viaggio. La città è un vero gioiello, con un bel centro storico (interamente pedonale!), il Castello che domina la cittadina, la Cattedrale di San Nicolò e tanto altro (trovate tutte le informazioni dettagliate nell’articolo su Lubiana). Non essendo molto grande poi, si visita tranquillamente in un giorno o in un week-end e, grazie alla sua posizione rappresenta anche il perfetto punto di partenza per esplorare tutto il paese. 

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere a Lubiana: 10 posti da non perdere
Lubiana vista dal fiume
Lubiana – centro storico
Lubiana - Metelkova Mesto
Lubiana – Metelkova Mesto

2. Valle dell’Isonzo

Iniziando dalla zona più vicina all’Italia troviamo la Valle dell’Isonzo (Soča in sloveno), che durante la Prima Guerra Mondiale rappresentava la linea del fronte tra le forze italiane e quelle dell’Impero austro-ungarico. Quest’area che ha visto cruenti combattimenti (Caporetto vi ricorda qualcosa?) oggi è diventata il principale centro per gli sport d’avventura del paese. Dalle acque color turchese, il fiume Isonzo è sicuramente tra i fiumi di montagna più suggestivi in Europa e richiama migliaia di appassionati di rafting, torrentismo, canoa e kayak. I principali centri turistici sono Bovec e Kobarid, ma merita una sosta anche Tolmin con la sua bellissima gola e la chiesa dello Spirito Santo che si trova in una posizione superba.  

Fiume Isonzo
Fiume Isonzo
In canoa sul fiume Isonzo (Slovenia)
In kayak sul fiume Isonzo

3. Lago di Bohinj

Tutti conoscono il lago di Bled in Slovenia, ma pochissimi il lago di Bohinj, che è altrettanto bello in realtà, ma molto meno inflazionato a livello turistico. Il lago più grande della Slovenia si trova a sud del più famoso Bled ed è circondato dalle cime più alte della Slovenia. Inserito all’interno del Parco Nazionale del Triglav, il lago di Bohinj è lungo 4 km e largo 1 km e le sue sponde non sono edificate. Le strutture alberghiere e la maggior parte dei servizi si trovano nei due villaggi più grandi di Bohinjska Bistrica e Ribcev Laz, che vengono usati per esplorare i dintorni (es. le cascate di Savica, la Valle Voje o la gola di Mostnica) e per dedicarsi allo sport. Sul lago di Bohinj si possono praticare diversi sport acquatici (pesca, torrentismo, kayak e windsurf), non chè camminare lungo i tanti sentieri (parte da qui il sentiero più famoso per raggiungere la vetta del Triglav). 

Lago di Bohinj - Slovenia
Lago di Bohinj
Lago di Bohinj - Slovenia
Lago di Bohinj

4. Alpi Giulie e Triglav 

Vi ho già parlato delle Alpi Giulie nel mio articolo sul Friuli Venezia Giulia, ma l’Italia ospita solo una piccola parte di questa catena montuosa. La parte Slovena delle Alpi Giulie è molto più estesa ed è inclusa, quasi completamente, nel Parco Nazionale di Triglav. Il parco prende il nome dal Monte Triglav, la vetta più alta e più famosa della Slovenia (2864 mt),  che molti sloveni sperano di scalare almeno una volta nella vita. Riuscire a farlo però non è così semplice e non è un caso che sia rimasta inviolata fina al 1778. L’ascensione alla vetta si può fare sia da sud (quella più popolare, che parte dal lago di Bohinj), da nord (l’itinerario più spettacolare e più difficile) o da est (quello più breve che inizia a Rudno Polje). 

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere in Friuli Venezia Giulia: 10 luoghi da non perdere
Cima del Triglav - Slovenia
Cima del Triglav
Parco Nazionale del Triglav - Slovenia
Parco Nazionale del Triglav

5. Kranjska Gora

Situata sull’altro versante del Triglav, nell’estremo nord-ovest della Slovenia, Kranjska Gora è la più conosciuta località sciistica del paese. Si svolgono qui infatti alcune competizioni della Coppa del Mondo di Sci ed è sempre qui (nella frazione di Planica) che si trova un importante centro di salto con gli sci. La cittadina di Kranjska Gora è piccola ma carina; da vedere ci sono Casa Liznjek, un’abitazione alpina che risale al XVIII secolo e, non lontano, lo Slovenian Alpine Museum, un museo molto recente sulla montagna e sull’alpinismo sloveno. Tra le cose da vedere nei dintorni ci sono poi il lago Jasna (su cui si affaccia il bellissimo Jasna Chalet Resort) e il laghetto di Zelenci. Quest’ultimo fa parte della riserva naturale di Zelenci e lo si può raggiungere a piedi con diversi sentieri. Il colore turchese dell’acqua è semplicemente magnifico!

Lago Jasna - Kranjska Gora
Lago Jasna – Kranjska Gora
laghetto di Zelenci - Slovenia
Laghetto di Zelenci

6. Lago di Bled

Tra le cose più belle da vedere in Slovenia non può mancare il lago di Bled, il luogo più iconico del paese. Situato a nord, sul confine con il Parco di Triglav, il lago è circondato da un bellissimo paesaggio alpino e ha un’isoletta da fiaba al suo interno. Con le imbarcazioni tradizionali (chiamate pletna) la si può raggiungere per visitare la Chiesa barocca dedicata all’Assunzione. Arroccato invece sopra un dirupo c’è il Castello di Bled, il più antico della Slovenia, da cui avrete una vista magnifica su tutto il lago e sull’isoletta. La cittadina di Bled divenne molto popolare da metà ‘800 e poi nel ‘900 quando venne scelta come località di villeggiatura dalla famiglia reale Jugoslava e da Tito. Nei dintorni non perdetevi anche la gola di Vintgar, uno canyon spettacolare lungo 1600 metri e alto 150. 

Lago di Bled - vista dal Castello
Lago di Bled visto dal Castello
Gole di Vintgar - Slovenia
Gole di Vintgar

7. Stanjel e il Carso Sloveno

La parte centro-occidentale della Slovenia è occupata dal Carso e dalla Valle di Vipava. La regione del Carso è costituita da un altipiano calcareo estremamente arido che si trova ad un’altitudine compresa tra i 200 e i 400 mt e la sua terra è quasi completamente priva di acqua sulla superficie. Questo terreno però rappresenta un ecosistema davvero unico, con una biodiversità tra le più ricche del mondo. La cittadina più bella del Carso è Stanjel (San Daniele del Carso), un borgo dominato dal Castello seicentesco e con le casette in pietra costruite nello stile tipico della regione. C’è poi la Chiesa di S.Daniele con il curioso campanile a forma di limone (o di cappello del vescovo) e i  Giardini Ferrari, progettati dal famoso architetto Max Fabiani. Pensato come un’appendice di Villa Ferrari, Fabiani progettò un incredibile sistema di approvvigionamento dell’acqua davvero all’avanguardia per l’epoca. 

Potrebbe interessarti anche:  Cosa vedere nel Carso Sloveno
vista di Stanjel -Carso Sloveno
Stanjel
Cantina vinicola del carso sloveno
Cantina della Valle del Vipava

8. Grotte di Postumia e di San Canziano

Nonostante l’estrema aridità sulla superficie, quando nel Carso si scende sotto terra, però, si scopre un altro mondo, fatto di fiumi, grotte e gallerie sotterranee. Tra le cose da vedere in Slovenia non si possono infatti non menzionare le sue grotte, su tutte quelle di San Canziano (Skocjan) e quelle di Postumia. Le prime sono state incluse tra i Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO e fanno parte della Rete mondiale di riserve della Biosfera UNESCO. Il percorso aperto al pubblico è costituito da uno straordinario complesso di gallerie, grotte e ponti naturali, incluso il più grande canyon sotterraneo del mondo. Nelle grotte di Postumia il sistema carsico di gallerie, grotte e cunicoli sotterranei si sviluppa per ben 24 km. La sua visita inizia a bordo di un trenino che percorre i primi km della grotta, prima di proseguire poi a piedi nell’esplorazione di questo mondo fantastico fatto di stalattiti, stalagmiti dalle forme più strane.

Grotte di San Canziano - Carso Sloveno
Grotte di San Canziano
Grotte di Postumia - Slovenia
Grotte di Postumia

9. Castello di Predjama

A pochi chilometri di distanza dalle grotte di Postumia vale la pena fare un’altra sosta per visitare il castello di Predjama. Quest’ultimo si trova in una posizione particolarmente scenografica, lungo una parete della montagna a strapiombo su di una gola. Il castello risale inizialmente al XII secolo, ma è stato poi rimaneggiato in periodi successivi e lo stile principale è quello rinascimentale. Nel castello ci sono circa 15 stanze, diverse gallerie e passaggi segreti distribuiti su 5 piani. All’ultimo piano, che si raggiunge con un ponte levatoio, ci sono le rovine della rocca dietro cui si trova un famoso (per la storia Slovena) passaggio naturale segreto. Quest’ultimo si può visitare ma va prenotato, così come le grotte che si trovano sotto al castello. Trovate tutti gli orari per le visite al castello e alle grotte sul sito ufficiale

castello di Predjama - Slovenia
castello di Predjama

10. Pirano e Portorose

Dalle grotte e dalle montagne ci spostiamo adesso sul mare, sul pezzettino di costa della Slovenia dove si trovano due località che vale senz’altro la pena vedere quando si viene in Slovenia (soprattutto in estate). Parliamo di Pirano e di Portorose. Pirano è la cittadina più caratteristica della costa slovena ed è costruita sulla punta di un piccolo promontorio. Il piccolo e raccolto centro storico è protetto, in parte, dalle mura del 1400; al suo interno un gioiello dell’architettura veneziana, con vicoli, chiesette e portici. Il cuore di Pirano è Piazza Tartini, una bella piazza ovale con la pavimentazione in marmo che si apre sul porticciolo. Portorose si trova invece a 2km da Pirano, in una baia riparata, ed è la località balneare più famosa della Slovenia, con spiagge e servizi.  

Vista di Pirano - Slovenia
Vista di Pirano
Portorose - Slovenia
Portorose

11. Celje

Le località di cui vi parlerò da questo paragrafo in poi sono quelle meno conosciute al pubblico italiano, ma non sono meno belle, e si trovano nella parte orientale della Slovenia. Iniziamo da Celje, che ho visitato proprio recentemente e che mi è piaciuta molto. La città ha origini antiche, romane per l’esattezza, ma il suo periodo d’oro fu il Medioevo, all’epoca dei conti di Celje che furono una delle dinastie più potenti dell’Europa Centrale. Il centro storico è molto carino, con edifici Art Nouveau e diversi musei. Tre posti vi consiglio di visitare in particolare a Celje: 1) il quartiere artistico, con gli atelier di 11 tra pittori, fotografi e creativi; 2) la galleria/atelier fotografico di Pelikan, con un bellissimo studio originale in vetro dove potrete scattarvi delle foto con le vecchie tecniche fotografiche (e gli outfit di inizio secolo); 3) il Castello di Celje, o quello che rimane, che sovrasta la città. 

Centro di Celje
Centro di Celje
Set nell'atelier fotografico di Pelikan a Celje
Set nell’atelier fotografico di Pelikan a Celje

12. La zona termale di Lasko e Rimske

Tra le cose per cui è famosa la Slovenia ci sono anche le terme e due dei centri termali più importanti si trovano ad una decina di km a sud di Celje. Il primo centro che si incontra è Lasko, molto conosciuta sia per le terme che per la birra. Qui si trova infatti il secondo birrificio più grande della Slovenia (la Pivovarna Lasko, ora di proprietà della Heineken) che può essere visitato in piccoli gruppi. Le sorgenti termali di Lasko invece vennero aperte nel 1854 e oggi i suoi due centri termali includono decine di vasche all’aperto e al chiuso, scivoli, onde artificiali, ecc. Se cercate un posto più tranquillo però vi consiglio di optare per le terme di Rimske, poco lontane da Lasko. L’Hotel Rimske, dove si trova il centro termale, è una struttura molto bella immersa nel bosco e il centro benessere è davvero magnifico. Potrete comunque usufruire delle terme anche senza alloggiare nell’hotel (e costa anche poco!).  

Camera dell'Hotel Rimske - Slovenia
Suite dell’ Hotel Rimske
Rimske Terme - Slovenia
Rimske Terme

13. Bela Krajina

La regione della Bela Krajina si trova nel sud-est della Slovenia ed è la regione più piccola della Slovenia meridionale. La Bela Krajina è una regione ancora poco conosciuta e toccata dal turismo, ed è quasi interamente una regione rurale. È caratterizzata da un paesaggio collinare e dal fiume Kolpa che rappresenta il confine naturale che separa la Slovenia dalla Croazia: con poche bracciate di nuoto potrete raggiungere la Croazia! Vi ho parlato già di questa regione nell’articolo sul Glamping Big Berry. In Bela Krajina si possono fare tante attività che vanno da quelle più rilassanti (come le passeggiate nella natura) a quelle più sportive/adrenaliniche (come il rafting, il trekking, il cicloturismo, ecc), passando per le degustazioni degli ottimi prodotti locali (olii, vini, formaggi). Un’attività che vi consiglio assolutamente di fare è il rafting nel Kolpa (io l’avevo fatto con Kolpa Adventures). 

Potrebbe interessarti anche:  Glamping in Slovenia: una vacanza al Big-Berry tra natura, cibo, vino e sport
relax in Bela Krajina
Relax in Bela Krajina
Rafting sul fiume Kolpa - Slovenia
Rafting sul fiume Kolpa

14. Ptuj 

Ptuj è la città più antica della Slovenia e, dopo Lubiana, è la città più importante del paese come rilevanza storica. Le sue origini risalgono al neolitico, poi sono arrivati i romani, i magiari, gli slavi, fino all’arcidiocesi di Salisburgo. Il suo patrimonio storico e architettonico è molto ricco e include palazzi medievali e romanici, monumenti romani, e antichi templi dedicati al culto di Mitra. Da vedere c’è il castello che domina la città (la cui struttura attuale risale al XII secolo), la Piazza Civica, con diversi bei palazzi patrizi, il Convento dei Frati Minori e diverse torri. A Ptuj si svolge anche il Kurent, una delle più antiche e particolari feste popolari slovene. Il Kurent si svolge nei 10 giorni che precedono il martedì grasso ed è una specie di rito della fertilità e di anticipazione della primavera. I kurenti indossano maschere di piume e pelli di pecora con becco colorato, denti finti e lingua rossa e vanno di casa in casa per scacciare gli spiriti maligni. Se siete in zona verso fine febbraio-inizio di marzo fateci un pensiero!

Centro di Ptuj - Slovenia
Centro storico di Ptuj
Vista di Ptuj dal fiume
Vista di Ptuj dal fiume

15. Maribor

Chiudo questo articolo sulle cose più belle da vedere in Slovenia con la cittadina di Maribor, un importante centro culturale, commerciale e universitario del paese. Situata nel nord-est della Slovenia, Maribor ha un centro storico di gusto principalmente mitteleuropeo, ma gli stili architettonici sono abbastanza ‘mischiati’ e non ce n’è uno prevalente. Tutto l’insieme però non è affatto male. La cittadina si sviluppa lungo il fiume Drava (che offre una bella vista sul centro storico) e le cose più interessanti da vedere sono: il castello e la piazza omonima, il Museo della Liberazione Nazionale, la Cattedrale di San Giovanni Battista, e la Zidovska Ulica (la Via degli Ebrei) con la Sinagoga. Nei dintorni di Maribor c’è il massiccio di Pohorje, dove sciare e fare trekking, e diversi itinerari enologici.   

Maribor
Centro di Maribor visto dal fiume
Maribor by night
Maribor by night

Alcune immagini di stock sono prese da Depositphotos

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.