BeBorghi | Hong Kong express - BeBorghi

Hong Kong express

    Hong Kong

    La prima volta che sono stata a Hong Kong ho continuato a girare e rigirare la cartina prima di capire come fosse orientata, dove fosse il centro, ecc. Quando ci sono tornata quest’anno..idem, la stessa storia! È un città che mi confonde Hong Kong, fatta di tantissime isole e di un piccolo pezzo di terraferma.  È piena di contrasti, si passa da grattacieli altissimi tutti attaccati uno all’altro (con milioni di persone che vi si muovono come formiche), a montagne verdi, senza case, senza nessuno, con il mare come unica vista a perdita d’occhio. Basta prendere la metro per trovarsi su una spiaggia semi-deserta: una metropoli unica!

    Dopo la restituzione al governo cinese nel 1997, ancora oggi è una città divisa tra il suo essere ex-colonia britannica ed una città cinese vera e propria, e questo lo si respira ovunque. La popolazione è mista, tanti cinesi sì, ma anche tantissimi occidentali che sono nati qui; quasi tutti parlano inglese (soprattutto su Hong Kong Island, il centro finanziario della città) ed il tenore di vita, almeno all’apparenza, sembra molto alto. Decine di centri commerciali con boutique di lusso (non ho mai visto così tanti negozi di Prada, Cartier e via dicendo in così pochi chilometri!), hotel di super lusso, ristoranti e locali chic ovunque. In realtà, esiste anche l’Hong Kong popolare, quella più antica di Sheung Wan o quella di Mong Kok, in cui sembra piuttosto di stare sul set di “Grosso guaio a Chinatown”. Un’altra cosa che colpisce molto quando si arriva ad Hong Kong sono le salite; è tutto un sali e scendi, scale mobili che ti fanno risparmiare tempo e fatica. Noi non siamo certo abituati a vedere dei grattacieli così alti costruiti su salite ripidissime! In alcuni punti quasi non si vede la luce del sole. Ma quando si sale sul Victoria Peak la vista della baia è strepitosa! Un consiglio, cercate di starci almeno 4/5 giorni per poter vedere le diverse sfaccettature della città ed esplorare le varie isole.

    Periodo di viaggio: io ci sono stata sempre in inverno, a novembre/dicembre e ho capito che è il periodo migliore. In effetti fa caldo ed il cielo è sereno. A gennaio e febbraio fa più freddo ed è nuvoloso, poi in primavera/estate l’afa e l’umidità fanno grondare di sudore e piove molto.

    Budget: a Hong Kong si usa (ancora non per molto pare) il dollaro di Hong Kong. I prezzi sono alti, soprattutto per dormire e per mangiare. Una stanza in centro in un air b&b costa più di 100 euro, gli hotel…non ve lo dico neanche! Per spendere un po meno potete dormire a Kowoloon, ma non è comodissimo per girare poi. È una città che richiede un certo budget diciamo.

    ♥ I miei personal highlights:

     

    Sheung Wan e l’Art District

    Il primo approccio alla città secondo me deve passare necessariamente per la città vecchia, ovvero il quartiere di Sheung Wan. Questo quartiere ha conservato un’atmosfera cinese d’altri tempi. Piccole botteghe, mercatini che vendono amuleti, negozi di antiquariato e antichi templi. Su tutti, non perdetevi il Man Mo Temple pieno di incenso profumato. Poco sopra il tempio, su Tai Ping Shan St. è nato l’art district di Hong Kong, tre/quattro strade piene di gallerie, murales, locali carini e ristoranti. Questa zona è carina sia di giorno che di sera, ed i bar e i locali sono meno commerciali rispetto a quelli di Soho; fermatevi per un thè ed una fetta di torta al Teakha.

    Hong Kong Park

    Circondato da grattacieli altissimi, questo parco super-centrale ha al suo interno fontane, sculture, serre, uno zoo ed una magnifica voliera. Fateci una passeggiata, sia per ripararvi dal sole e dal caldo, ma soprattutto per entrare nella voliera. Ci sono tantissime specie di uccelli tropicali, super colorati che potrete vedere da molto vicino.

    Victoria Peak

    Il Peak (il punto più alto di Hong Kong Island), è il quartiere residenziale per eccellenza sin dai tempi dell’era coloniale, ed è anche la zona più esclusiva della città. Una casa qui costa una fortuna! Per salire al Peak si va con il Peak Tram, una sorta di funicolare; dovrete fare la coda, ma ne vale assolutamente la pena. Una volta arrivati su potrete ammirare uno dei panorami urbani più belli del mondo e, soprattutto, rendervi conto delle dimensioni della città. Per scendere potete farla a piedi e tornare verso Central per farvi un super aperitivo con vista al rooftop del “Sevva” (al 25° piano del Prince’s Building).

    Tsim Sha Tsui e lo Star Ferry

    Di fronte ad Hong Kong Island c’è Kowoloon, e dalla sua “punta”, chiamata Tsim Sha Tsui, avrete il panorama più bello del centro di Hong Kong. Andateci la sera, dopo il tramonto, quando si illuminano tutti i grattacieli su Hong Kong Island. Ogni giorno alle h20 c’è lo spettacolo di suoni e luci e tantissime persone si riversano sul “lungomare” per vedere i giochi di luce a tempo di musica sui grattacieli (andateci solo se è una giornata dal cielo terso, altrimenti non vedrete nulla). Un’esperienza da non perdere è quella di arrivare a Kowoloon prendendo lo Star Ferry dal Pier o da Hung Hing Road su Hong Kong Island. Queste imbarcazioni sono in funzione dal 1888 e la traversata (di 10′) è particolarmente romantica la sera.

    Kowoloon e Mong Kok

    Kowoloon è la zona più commerciale di Hong Kong, qui ci sono tantissimi mercati (divisi per strade a seconda della mercanzia) e centri commerciali per tutte le tasche.  Sempre qui si trova qui il Peninsula Hotel, uno dei più lussuosi e antichi hotel del mondo; fatevi un giro nella bellissima hall e andatevi a prendere un aperitivo con vista al Felix, il locale/ristorante progettato da Philip Stark al 28° piano dell’hotel. Mong Kok è invece uno dei quartieri operai più caotici della città, ma ha dei bellissimi mercati. Non perdetevi il Flower Market, il Bird Garden (il mercato degli uccelli), il ladie’s Market e Sneaker Street (come dice la parola stessa, qui trovate TUTTE le sneakers del mondo!). Tutti questi mercati sono tra le fermate della metro di “Mong Kok” e “Prince Edward”.

    Lantau

    Per fuggire dalla folla di Hong Kong, l’isola di Lantau è perfetta. Ci si arriva comodamente in metro; una volta sull’isola potrete poi decidere di prendere la famosa funivia panoramica Ngong Ping Skyrail ed andare a vedere il Tian Tan Buddha sulla vetta dell’isola (consigliato solo se non avete da fare 3h di fila, come accade quasi sempre!), oppure prendere un autobus (N.11, 11A o 23) e chiedere di farvi scendere a Cheung Sha Beach. Vi sembrerà che vi abbiano fatto scendere nel nulla, ma abbiate fede..dopo pochi metri dalla fermata vedrete una stradina che porta alla spiaggia. Questa spiaggetta è molto carina e rilassante, ci sono 2/3 bar (il The Beach House è molto carino), l’affitto tavole da surf e tanti surfisti da guardare. Intorno solo il verde; avrete la sensazione di aver preso un aereo per andare su isola lontana.  Da lì, prendete poi il bus (1, 2 o 4) per andare a Silvermine Bay a prendere l’aliscafo che vi riporterà a Victoria Harbour.

    Altre cose da fare/vedere: un trekking sull’Hong Kong Trail, il Ping Shan Heritage Trail e una gita in spiaggia (con vista surfisti..che non guasta) a Shek O (fermata della metro Chain Wan, poi autobus).

    Vuoi portare le informazioni pratiche con te?

    This is the call to action description. Click edit button to change this text.
    • Din Tai Fung: il mio posto preferito nel mondo per mangiare i ravioli! Questa catena di Taiwan non delude. Prendete i dim sum con la carne di maiale e quelli in brodo!! Non è facilissimo da trovare (ed il loro sito è solo in cinese), dovete entrare nel centro commerciale Shop 130 al N.30 di Canton Rd (a Kowoloon); fermata della metro “Tsim Sha Tsui”
    • Oldish Limited: ristorante carino nel’Art District (53 Tung Street). In questa stessa via, ce ne sono anche altri carini
    • UEDA: buonissimo ristorante giapponese (ramen ottimi!) in zona Central (11, Stanley Street).
    • Teakha: Tea House molto carina nell’Art District. Molto buone anche le torte, c’è una gran bella atmosfera. Lo riconoscerete dai fiori all’ingresso (18 Tai Ping Shan Street).
    • Zuma: se non avete problemi di budget..è il posto che fa per voi! Questo famoso ristorante giapponese (che esiste anche a Londra, Dubai, Miami, ecc) ha una bella terrazza  e si mangia bene. Ambiente chic. Si trova a Central (15 Queens Rd.).
    • Iberico Co.: se vi siete stufati della cucina asiatica, potete rifugiarvi in questo bel ristorante spagnolo. Si mangia molto bene e si beve altrettanto. Si trova proprio lungo la scala mobile che sale a Soho (G/F, 18, Shelley Street).
    • Gough Street (a Soho): su questa via ci sono tanti ristoranti cinesi e non (in particolare ce ne sono due che hanno sempre una discreta fila fuori). Si mangia bene ovunque!

    Lantau (Cheung Sha Beach)

    • The Beach House: questo bar-ristorante si trova proprio sulla spiaggia. Bell’ambiente e mood rilassato.
    • Sevva: uno dei rooftop più belli di Hong Kong. La vista dalla terrazza è imperdibile e la notte vi lascerà senza fiato. Non si può non andare!!
    • Red Bar: un bel locale nel Financial District con tanti tavoli all’aperto ed una veduta di Victoria Harbour quasi imbattibile per Hong Kong.
    • The Pawn: situato in un vecchio edificio coloniale nella zona di Wan Chai, questo locale/ristorante su 2 piani ha una bella terrazza affacciata sulle rotaie del tram. Buoni piatti (fusion) e gran bel locale dall’aperitivo in poi
    • Felix (al Peninsula Hotel): questo locale/ristorante progettato da Philip Stark al 28° piano dell’hotel ricorda lo scafo di una nave e la vista sulla baia e su Hong Kong Island è strepitosa!!  In teoria non vi fanno entrare con le sneakers , ma di fatto sì 😉

    In generale, la nightlife di Hong Kong si sviluppa principalmentea Soho (sopra Central). In queste vie ci sono tantissimi bar, ristoranti e locali. Se andate lì..non vi potete sbagliare!!!

    Dormire a Hong Kong è carissimo! Soprattutto se volete stare su Hong Kong Island (che comunque vi consiglio, soprattutto se non avete tanti giorni). L’alternativa più economica è trovare una stanza su air b&b, che in ogni caso vi costerà sui 70-100 euro per stanza.

    La prima volta sono stata in questo hotel:

    • Wifi Boutique Hotel: questo hotel si trova nella centralissima Lockhart Road (fermata Wan Chai). È comodo per muoversi ovunque, è pulito, ma le stanze sono veramente minuscole. Una stanza doppia costa sempre intorno ai 100 euro, ma dipende dal periodo.

    Visto. A differenza del resto della Cina, per andare ad Hong Kong non serve il visto. Se però prima o dopo vi spostate all’interno della Cina, dovete farlo. Per ottenerlo, dovrete presentare una foto tessera, compilare il modulo che trovate online , e fornire la copia della prenotazione dell’hotel e del volo. Un visto “single-entry” costa circa 100 euro e ci vogliono 5 giorni lavorativi per ottenerlo (con la procedura normale).

    Internet. Mentre nel resto della Cina i social non funzionano (Facebook, Twitter, ecc) e bisogna scaricare un VPN, a Hong Kong funziona tutto come in Europa.

    Da/Per l’aereoporto: per raggiungere l’aereoporto dal centro (e viceversa) c’è la metro. Super comoda!

    Taxi: i taxi costano poco (come anche nel resto della Cina). La metro è comoda e rapida, ma per la sera è molto più comodo spostarsi in taxi.

    1 Commento

    on Hong Kong express.
    1. |

      Quante informazioni utili *.* Non sono mai stata a Hong Kong ma mi ha sempre incuriosita molto… quando riuscirò ad andarci saprò a chi rivolgermi 😀

    Leave a Comment

    Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.