Cosa vedere in Sichuan, una regione stupenda della Cina

Il Sichuan è una magnifica regione della Cina sud-occidentale. È una regione molto varia, fatta di pianure da un lato e montagne altissime (fino a 6500 mt)  sull’altro, man mano che ci si avvicina al confine con il Tibet. In realtà la parte occidentale della regione geograficamente e culturalmente fa parte proprio del Tibet (forse è anche per questo che l’ho amata da subito!). Facendo base nella capitale Chengdu, in una settimana si riescono a vedere tante cose e tanti luoghi molto diversi tra loro: antichi villaggi tradizionali (come Langzhong), spettacoli naturali incredibili (come il Parco Nazionale Jiuzhaigou), grandi buddha scavati nelle montagne e tanto altro. Il Sichuan è un regione veramente affascinante, molto nota e turistica per gli stessi cinesi anche per la buonissima (e piccantissima) cucina. Per quanto mi riguarda la sola visita del Parco Nazionale Jiuzhaigou vale il viaggio in Cina. Seguitemi per scoprire tutte le cose da vedere in Sichuan.

piatto della piccantissma cucina del Sichuan
piatto della piccantissma cucina del Sichuan

Informazioni pratiche per un viaggio in Cina

  • Documenti necessari: passaporto valido. Dal 1 Dicembre 2023 fino al 30 Nov 2024 ai cittadini italiani non è richiesto il visto se la durata del viaggio non supera i 15 giorni. 
  • Moneta ufficiale: Yuan (¥) indicato con CNY o RMB.
  • Connessione a Internet e SIM virtuale: acquista una SIM virtuale (es. e-sim di Airalo) da attivare pre-partenza (inserendo il codice BEBORGHI avrai diritto ad uno sconto del 10%) e scarica/acquista un app VPN (tipo  Veee+) per navigare liberamente. 
  • Carte di credito, App e pagamenti: scarica Alipay e WeChat per poter fare pagamenti digitali (assicurati di completare tutti i passaggi di autenticazione dell’identità prima di partire!)
  • Assicurazione di viaggio (medico-bagaglio): con Heymondo (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%).
  • App Utili: Didi Greter China (la versione cinese di Uber/Bolt), Google Translate (per tradurre) e Trip.com (per prenotare voli, treni, ecc)

Quando andare in Sichuan

I periodi migliori per andare in Sichuan sono le stagioni intermedie, la primavera e l’autunno. In questi periodi le temperature sono miti (15-20 gradi) e piove poco. L’inverno è decisamente freddo, soprattutto nella zona montagnosa a nord della regione (ad esempio nel Parco Nazionale Jiuzhaigou), ma è secco e asciutto. Io ci sono stata a dicembre/gennaio, durante un viaggio che comprendeva anche Shanghai e Hong Kong, e mi sono trovata bene. Chengdu e i dintorni hanno una temperatura simile al nord Italia (il cielo è sempre grigio per lo smog ahimè!), mentre nella regione del parco il cielo è azzurro ma le temperature sono rigide (ampiamente sotto zero), ma basta coprirsi. L’estate è da sconsigliare: fa caldissimo e piove a dirotto.

Lago ghiacciato nel Parco Nazionale Jiuzhaigou, Sichuan
Lago ghiacciato nel Parco Nazionale Jiuzhaigou

Cosa vedere in Sichuan (Cina): tutti i luoghi da non perdere

Il buddha di Leshan

Nella cittadina di Leshan 180 km a sud di Chengdu si trova Dafo, il buddha più grande del mondo. Fu scavato nella roccia nel 700 dc  e, con i suoi 71 mt di altezza è qualcosa di veramente imponente. Si trova in un parco dove è possibile visitare anche diversi templi immersi in una bellissima natura. Si può visitare sia “da terra”, salendo fino all’altezza del suo volto per poi scendere con delle scalette che lo costeggiano, oppure “via fiume”. Si trova infatti sull’argine di un fiume e solo dalle barche è possibile vederlo nella sua interezza. Io l’ho visto da terra e non mi sono affatto pentita della scelta. Ritrovarsi accanto al suo volto alto più di 20 mt è qualcosa di impressionante. Lo si può visitare in giornata da Chengdu. Con 2h di bus si arriva a Leshan, poi da lì un autobus urbano (il N.13) vi porta direttamente all’ingresso del parco.

Buddha di Leshan, Sichuan
Buddha di Leshan
Buddha di Leshan, Sichuan
Buddha di Leshan visto da sotto

Langzhong

A 5h di bus o 4h di auto da Chengdu si trova l’antico villaggio di Langzhong; si dice che benefici del perfetto feng shui. Langzhong è stata la capitale del Sichuan e molti personaggi famosi della Cina sono legati a questa cittadina. È uno dei pochissimi villaggi dell’antica Cina che sono rimasti intatti. Ha un centro storico protetto fatto di stradine con i ciottoli illuminate dalle classiche lanterne rosse, bellissimi tetti, templi, pagode, ed alberghi suggestivi in un’atmosfera di altri tempi.È veramente bello perdersi nei suoi viottoli! Cercate il Ristorante Mingzhòu Yìnshi (l’indirizzo è 6 Shanghua Jie) e chiedete di Grace! La proprietaria di questo ristorante, oltre ad essere un’ottima cuoca, è anche un’insegnante di inglese (l’unica del villaggio). Mangerete bene e soprattutto..potrete ordinare senza andare a caso. Se volete visitarlo in giornata da Chengdu potete farlo solo affittando una macchina con autista (io avevo contrattato con tassista). L’autobus pubblico impiega 5h e non arriva all’ingresso della città vecchia. Se decidete di andarci in autobus vi conviene rimanere a dormire lì, in un dei tanti alberghi antichi. Se avete tempo ne vale assolutamente la pena!

Villaggio tradizionale di Langzhong, Sichuan, Cina
Villaggio tradizionale di Langzhong
strada nel Villaggio tradizionale di Langzhong, Sichuan, Cina
strada con le lanterne rosse a Langzhong
tetti di Langzhong, Sichuan, Cina
tetti di Langzhong

Parco Nazionale Jiuzhaigou

Dire che sono rimasta folgorata da questo parco è un eufemismo! Il Parco Nazionale Jiuzhaigou è decisamente uno degli spettacoli naturali più che belli che abbia mai visto. È uno dei parchi più famosi della Cina, nonostante sia abbastanza difficoltoso raggiungerlo. Per darvi un’idea della sua fama, vi basti pensare che l’ingresso è a numero “chiuso”, possono entrare “solo” 40000 persone al giorno! È all’estremità nord della regione, incastonato da montagne che raggiungono i 5600 mt,  ed è raggiungibile con 9/10h di autobus (la strada è buona, ha pochi tornanti e tante gallerie) oppure con un (carissimo) volo su Songpan, una cittadina che si trova a 2 ore dal parco. Il paese di Jiuzhaigou (dove c’è l’ingresso del parco) si trova a 2000 mt dal livello del mare ed il parco (che si estende per 50 km)  raggiunge i 3100 mt. Il parco è molto ben organizzato. Non appena si entra ci sono delle navette (frequentessime) che portano ovunque nel parco, e passerelle in legno/sentieri per chi vuole camminare. Il parco è veramente grande, se avete solo un giorno per visitarlo (com’è stato per me), vi conviene andare direttamente nel punto più lontano e poi scendere facendo le varie fermate ed alcuni sentieri a piedi. È un susseguirsi incredibile di laghi dall’acqua cristallina (talmente trasparente che sembra photoshoppata!), cascate di ghiaccio, foresta, e paesaggi mozzafiato. Ho continuato ad avere questi incredibili paesaggi negli occhi per diversi giorni. Scusate se mi ripeto, ma la visita del parco vale da sola un viaggio in Cina.

lago ghiacciato nel Parco Nazionale Jiuzhaigou, Sichuan, Cina
lago ghiacciato nel Parco Nazionale Jiuzhaigou
lago nel Parco Nazionale Jiuzhaigou, Sichuan, Cina
lago nel Parco Nazionale Jiuzhaigou
cascata nel Parco Nazionale Jiuzhaigou, Sichuan, Cina
cascata nel Parco Nazionale Jiuzhaigou

Chengdu e il Centro di Ricerca sul panda gigante

La capitale del Sichuan è una città decisamente moderna, che si è sviluppata in maniera vertiginosa negli ultimi anni. Di per se non sarebbe neanche una brutta città (ha parchi, templi, piccoli quartieri antichi ristrutturati), ma ha un traffico ed uno smog importanti. Per vedere la luce del sole bisogna allontanarsi  di almeno 100 km dal centro. Il motivo principale per cui vale la pena fermarsi almeno un giorno a Chengdu, però,  è il Centro di Ricerca sul panda gigante. L’80% dei panda nel mondo si trova in Sichuan, ma ormai è praticamente impossibile  vederne uno allo stato brado. In questo grande centro di ricerca e di allevamento invece riuscirete a vederne tantissimi (cuccioli inclusi) in un habitat simile a quello naturale. Dire che si può stare ore a guardarli giocare, dormire o mangiare quintali di bambù..è superfluo! Sono bellissimi e super-goffi.

Se avete più tempo, un altro posto da visitare in Sichuan è sicuramente Emei Shan, la montagna sacra. Qui si possono fare diversi trekking fino ala vetta, oppure vedere i tantissimi templi che si trovano alla base.

Centro di Ricerca sul panda gigante a Chengdu, Cina
Centro di Ricerca sul panda gigante a Chengdu
panda rosso nel Centro di Ricerca sul panda gigante a Chengdu, Cina
panda rosso
panda nel Centro di Ricerca sul panda gigante a Chengdu, Cina
panda sull’albero

Documenti necessari: il visto per la Cina

** AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2023: a partire dal 1 dicembre 2023 e sino al 30 novembre 2024, i cittadini italiani in possesso di passaporto ordinario potranno viaggiare in Cina per motivi di affari, turismo, visite a familiari e amici e transito per un massimo soggiorno di 15 giorni senza bisogno di richiedere un visto d’ingresso**

Se volete andare a Shanghai e rimanere in Cina per più di 15 giorni dovrete obbligatoriamente ottenere il visto prima di partire. In Italia ci sono uffici consolari cinesi sia a Roma che a Milano (trovate tutti gli indirizzi qui) . Per ottenere il visto dovrete presentare una foto tessera e compilare accuratamente il modulo che trovate online. Il visto “single-entry” o “multiple-entry” costa 45 euro (il prezzo è stato più che dimezzato a partire da Dicembre 2023) e ci vogliono indicativamente 5 giorni lavorativi per ottenerlo (con la procedura normale). Vi invito anche a leggere tutte le informazioni scritte nella scheda relativa alla Cina sul sito di Viaggiare Sicuri  prima di partire o di iniziare a preparare il viaggio.

Dove dormire a Chengdu (Sichuan)

Wenjun Mansion Hotel  (Chengdu) questo hotel in stile si trova in una zona carina e comoda di Chengdu. Le stanze sono belle e grandi, ed il personale è veramente gentile. Parlano bene inglese e sono in grado di aiutarvi nell’organizzazione delle varie gite. Il rapporto qualità/prezzo è ottimo: una doppia grade costa meno di 40 euro/notte.
Wenjun Mansion Hotel a Chengdu, Sichuan
Wenjun Mansion Hotel a Chengdu

L’assicurazione medico-bagaglio per la Cina

 In Cina la nostra copertura sanitaria non vale. Il mio consiglio è quello di fare sempre una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio. Io mi trovo molto bene con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farlo dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio (paese, durata, ecc) e vi manderanno una mail con le proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!).
Potrebbe interessarti anche:  Come organizzare un viaggio in Tibet: da Lhasa al campo base dell'Everest
street food a Chengdu, Sichuan, Cina
street food a Chengdu

6 commenti su “Cosa vedere in Sichuan, una regione stupenda della Cina”

  1. Il tuo articolo è fantastico! Sono un’amante della Cina….Conto di andare in Sichuan ad ottobre! Grazie delle informazioni! Posso chiederti altri dettagli? Quando sei stata al Parco Nazionale Jiuzhaigou dove hai dormito? lì vicino? e a Langzhong hai qualche posto da consigliare per la notte? 🙂 Grazie mille e complimenti per il viaggio

    Rispondi
  2. Ciao! Bè..grazie mille 🙂
    Quando sono andata al parco ho dormito nel paese di Jiuzhaigou, dove c’è l’ingresso. A Langzhong..dovrei avere un posto da consigliarti! Ti scrivo appena lo ritrovo 😉
    Il Sichuan è una regione incredibile, ti piacerà!

    Rispondi
  3. Sembra davvero un posto interessante, lontano dalle usuali mete turistiche in Cina e dalle grandi città che potrebbero ricordarmi il viaggio appena fatto in Giappone. Sai che ti dico?! Ci faccio un pensierino!

    Rispondi
  4. Grazie mille per le informazioni, sto per fare un viaggio molto lungo in Cina e mi sono serviti molto i tuoi consigli, credo che farò una sosta nel Sichuan

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.