BeBorghi | Shanghai surprise - BeBorghi by Valentina Borghi

Shanghai surprise

    Shanghai

    È stata la seconda volta per me nella magnifica Shanghai , e in entrambe le occasioni il mio “incontro” con la città è avvenuto sul Bund, la passeggiata che costeggia il fiume. Il Bund è il simbolo di Shanghai e rappresenta appieno la sua duplice anima: il passato coloniale ed il futuro super-moderno. Non si può non restarne affascinati!!

    È una città molto diversa dalle altre città cinesi; è Cina sì, ma a tratti quasi non sembra.  Insieme ad Hong Kong è la città con il più alto numero di ex-pat occidentali e conserva dei quartieri storici che risalgono all’epoca della colonizzazione europea. È una città molto ordinata, pulita e poco caotica (soprattutto se si considera che ha ben 25 milioni di abitanti!).

    Ha una vibrante vita notturna e artistica, con locali, ristoranti, bar e musei che non hanno nulla da invidiare a Londra o New York. L’ho amata da subito.

    Periodo di viaggio: io ci sono stata sempre in autunno/inverno. La temperatura è abbastanza mite fino a dicembre, poi arriva il freddo, ma difficilmente si scende sotto i 5/10 gradi. In estate è molto calda e umida; se potete, andateci nelle stagioni intermedie

    Budget: ho trovato Shanghai molto più cara di come la ricordavo. Attualmente il costo della vita non mi sembra lontano da quello di Milano ahimè, forse un pochino più basso ma neanche troppo. La quotazione dello yuan è quasi raddoppiata negli ultimi 5 anni! Per mangiare bene si spendono dai 30 euro a salire. Per dormire,invece, si riesce ancora a spendere abbastanza poco. Esclusa Hong Kong, è la città più cara della Cina.

    ♥ I miei personal highlights:

     

    Il Bund

    Il lungofiume di Shanghai rappresenta il passato ed il futuro della città; da un lato i prestigiosi palazzi liberty, gloria del passato coloniale, dall’altro Pudong, la zona finanziaria super moderna, con alcuni tra i grattacieli più alti al mondo. La vista da qui è mozzafiato!! È bello passeggiarvi a tutte le ore, ma al tramonto o la sera secondo me da il suo massimo. Veder accendersi le luci dei grattacieli sorseggiando un drink da uno dei rooftop- bar del Bund è un must che non potete perdervi! Su tutti, andate al Roosvelt Skybar, al Peninsula, o all’Unico (per tutte le info leggete sotto). Fatevi un giro anche nella bellissima hall dello storico Peace Hotel, considerato uno dei più belli dell’Asia.

    Giardini Yuyuan (Giardino del Mandarino Yu)

    Entrate in questi classici giardini cinesi del ‘500 e vi sentirete subito rilassati. È un luogo senza tempo (se non fosse per tanti turisti cinesi che lo affollano), con ponticelli sull’acqua, passaggi e alberi super curati. Vi hanno girato delle scene del film “Memorie di una Geisha” e si capisce il perchè! Subito lì fuori c’è un grande bazar dove comprare souvenirs, e mangiare i classici ravioli di Shanghai da Nanxiang Steamed Bun Restaurant  (lo riconoscete dalla coda fuori).

    Xiantiandi e Taiking Road

    Sono entrambe delle zone in cui sono stati ristrutturati gli edifici/i vicoli della vecchia Shanghai e che ora ospitano gallerie d’arte (soprattutto Taiking Road), boutique, negozietti di accessori e souvenirs, bar e ristoranti. Sono molto carine e caratteristiche sia di giorno che di sera. A Xiantiandi non perdevi una sosta da Din Tai Fung per mangiare i ravioli più buoni del mondo, mentre se vi trovate a Taiking Road fermatevi a mangiare/bere  da Kommune.

    L’arte contemporanea

    Shanghai è una città che offre molto anche dal punto di vista artistico, soprattutto per quanto riguarda l’arte contemporanea cinese.

    • L’Art District (M50), che ricorda l’Art District di Pechino (vedi articolo), è molto più piccolo e non troppo coinvolgente direi (se avete poco tempo potete tranquillamente saltarlo).
    • Il Red Town invece è un nuovo comprensorio artistico all’avanguardia che, a mio parere, vale assolutamente la visita. Non è un caso che sia nato in partnership con la Tate Modern di Londra, il Guggenheim, il MOMA di New York e altri importantissimi musei. Si trova vicino Hongqiao Lu ed è costituito da un grande spazio all’aperto (disseminato di sculture e installazioni) circondato da ex capannoni industriali a mattoncini riconvertiti in spazi espositivi, gallerie e bar ristoranti.
    • Recentemente ha poi inaugurato il Rockbund Art Museum al Bund; è un museo dedicato all’arte contemporanea “concettuale” direi (stile Biennale di Venezia), sviluppato su 4 piani con tanto di bar/terrazza (nel biglietto d’ingresso è incluso anche un caffè/thè). Non è imperdibile, ma se vi trovate in giro per il bund e siete curiosi di vedere l’espressione artistica cinese contemporanea..è il posto giusto per voi!

    Shanghai Museum

    Questo museo (gratuito per altro!) si trova proprio al centro dell’immensa People Square e vale assolutamente la visita. È considerato, a ragione, il museo più importante della Cina. Ci sono diverse sezioni che riguardano lo sviluppo della calligrafia, quello delle monete (molto bella! Ci sono le monete che si usavano lungo la via della Seta), quello delle bellissime ceramiche,  quello del mobilio, e diversi altri. I pannelli esplicativi sono anche in inglese e sono particolarmente chiari. Mi è piaciuto molto!

    I grattacieli di Pudong

    Su questo lato del fiume si trovano alcuni tra i grattacieli più alti del mondo. Se non soffrite di vertigini e volete provare il brivido della vista dal 100° piano (o quasi) avete diverse scelte:

    • Jin Mao Tower: si può salire fino al 88° piano pagando un biglietto (caro!), oppure andare a bere qualcosa al “Cloud” il bar che si trova all’87° piano (la vista non cambia poi molto).
    • Shanghai World Financial Center: il famoso grattacielo “col buco” ha diverse terrazze panoramiche (al 94°, 97° e 100° piano). Se siete veramente impavidi, potete fare una passeggiata quasi nel vuoto sullo Skywalk al 100° piano. Anche qui, l’alternativa è andare al bar del Park Hyatt Hotel al 91° piano.
    • Shanghai Tower: il grattacielo più alto della città (ed il 2° più alto del mondo!) ha inaugurato ad aprile 2015. Ha 3 osservatori, e sono tutti e 3 i più alti del mondo (al 121°, 122° e 123° piano).

    Altri posti da vedere/cose da fare: il Tempio del Buddha di giada (fuori dal centro, ma molto bello), la concessioni francese (perdetevi a camminare in questo vecchio quartiere coloniale fatto di piccole villette e viale alberati),  una crociera sul fiume, ed una passeggiata al Fuxing Park.

    Vuoi portare le informazioni pratiche con te?

    scarica il pdf
    • Skybar della House of Roosvelt: vista magnifica sul Bund! Si può bere sia nella terrazza che nel bar con mega-vetrata.
    • Rooftop Bar del Peninsula: accanto alla House of Roosvelt, si beve solo all’aperto (in stagione) nella stupenda terrazza.
    • Captain Bar: rooftop del Captain Hostel, non è in “prima linea” sul Bund, ma la vista non è male e si spende molto di meno. Alla portata di tutti.
    • Unico: il mio locale preferito!! Un ristorante/bar di Mauro Colagreco (uno chef stellato italo-argentino) veramente bello! Arredo super, così come il bancone e la cucina a vista. Ambiente unico appunto! Se dovete scegliere un singolo posto..andate qui! Vista, ambiente e buona cucina.
    • M on the Bund e The Glam: ristorante e bar con vista sul Bund. Entrambi molto eleganti. Anche qui ambiente ed arredo top.
    • Bar Rouge: locale storico con vista sul Bund. Ottimi cocktails e bella atmosfera
    • Cloud 9: bar che si trova all’87° piano della Jinmao Tower a Pudong, per avere un’altra visuale sul Bund e sulla città. Sconsigliato a chi soffre di vertigini
    • URVC: piccolo locale underground veramente carino vicino al Tempio del Buddha di giada. Le pareti sono costituite da migliaia di vinili fino al soffitto. Bella la console ed il bancone.
    • M1nt: al 24° piano di un grattacielo, questo club esclusivo ha un panorama da capogiro (e non solo per le modelle che lo frequentano :D). Non perdetevi la vasca con gli squali accanto al guardaroba.!
    • Dada Bar : un istituzione in città. Bel locale dove bere bene
    • Arkham: votato come miglior club di Shanghai nel 2014, in questo grande club potrete ascoltare dell’ottima musica underground.
    • Lola: club commerciale nella concessione francesce con guest-dj  famosi.
    • The Shelter: un ex rifugio anti-aereo riadattato a club underground.. per gli intenditori!
    • Din Tai Fung: una certezza in Asia. La catena di ravioli di Taiwan non delude mai! Se volete mangiare i ravioli più buoni del mondo..venite qui! Ci sono diversi ristoranti in città, ma quello più comodo è sicuramente quello che si trova dentro il centro commerciale a Xiantiandi.
    • Xixi Bistro: di proprietà di un italo/cinese, propone cucina fusion in un ambiente vintage molto raffinato. Veramente buono e bello. Prenotate assolutamente perchè è molto piccolo (ha anche qualche tavolo nella terrazza all’aperto).
    • The lost Heaven: ristorante che propone la cucina piccante dello Hunnan. Ci sono due Lost Heaven a Shanghai, uno sul Bund con terrazza (da preferire solo in estate) e uno nella concessione francese (molto più bello). Bellissimo l’ambiente e molto buoni i piatti.
    • Sichuan Citizen: ristorante dove assaporare la cucina super piccante del Sichuan (considerata da molti la più buona di tutta la Cina). Carino e buono. Si può andare anche solo a bere.
    • Kota’s kitchen : ottimo ristorante giapponese (non solo sushi!)
    • Shintori: ambiente minimal per questo ristorante giapponese, caro ma molto buono
    • Liquid Laundry: ristorante/locale/birreria  molto carino! Cucina creativa e djs in alcun serate
    • The Phoenix Hostel: questo ostello che si trova vicino a People Square è molto pulito e carino. Ha una terrazza con bar sul tetto ed un ristorante. Una doppia con bagno in camera costa circa 40 euro (2016).
    • The Bund Riverside Hotel: questo hotel in un grattacielo d’epoca ha un ottimo rapporto qualità/prezzo ed un’ottima posizione. Si trova a pochi isolati dal bund e dalla fermata della metro. Una doppia con vista costa circa 60 euro (2016).

    Visto. Per andare a Shanghai dovrete fare il visto prima di partire (ci sono uffici consolari cinesi sia a Roma che a Milano). Per ottenerlo, dovrete presentare una foto tessera, compilare il modulo che trovate online , e fornire la copia della prenotazione dell’hotel e del volo. Un visto “single-entry” costa circa 100 euro e ci vogliono 5 giorni lavorativi per ottenerlo (con la procedura normale).

    VPN. In Cina i social non funzionano (Facebook, Twitter, ecc), così come Google (e gli account di posta su gmail) e altri siti che vengono oscurati dal governo cinese. Ovviamente lo sgamo c’è! Basta scaricarsi un app di VPN (ce ne sono tante!). Sono gratuite per i primi 20 MB, poi a pagamento (vanno dai 5 ai 15 euro al mese).

    Da/Per l’aereoporto Pudong: per raggiungere l’aereoporto dal centro (e viceversa) c’è sia la metro normale (ma non la prendete! Ci metterete più di 1h) oppure il Maglev, il treno superveloce a levitazione magnetica che in 8′ (a 300 km/h) raggiunge l’aeroporto dalla stazione di Longyang Rd. Da qui poi potete prendere un taxi (verso il Bund costa circa 50-60 Y) o la metro per poche fermate.

    Taxi: costano poco a Shanghai (come anche nel resto della Cina). La metro è comoda e rapida, ma per la sera è molto più comodo spostarsi in taxi

    App: scaricatevi Smart Shanghai. Qui trovate quasi tutti i luoghi di interesse, ristoranti, bar, ecc con i rispettivi indirizzi scritti in cinese (da mostrare ai tassisti, che non riescono a leggere il nostro alfabeto!)

    Leave a Comment

    Your feedback is valuable for us. Your email will not be published.