Albania on-the-road: itinerario di 7 o 10 giorni (con mappa)

L’Albania è diventata una delle destinazioni più gettonate tra gli italiani negli ultimi anni e si capisce facilmente il perchè: è vicina, è economica e offre un pò di tutto. Se a questo aggiungete che molti albanesi parlano italiano (rendendo la vita più facile ai nostri connazionali che non parlano le lingue) il gioco è fatto. Come sempre io mi sono organizzata il mio itinerario in Albania da sola e in questo articolo ho raccolto per voi tutte le informazioni pratiche che, spero, vi aiuteranno nell’organizzazione del vostro viaggio: i documenti necessari, l’itinerario dettagliato, come spostarsi, dove alloggiare, quando andare e, piccolo spoiler,  anche come spendere meno in Albania. 

Mercato di Kruje, Albania
Mercato di Kruje, Albania

Documenti necessari per entrare in Albania

Si può entrare in Albania con un passaporto o una carta d’identità valida per l’espatrio, in entrambi i casi con una scadenza superiore di almeno tre mesi alla data di rientro dall’Albania. Se decidete di viaggiare con la carta d’identità, accertatevi che sia in ottimo stato, perchè c’è il rischio che non venga accettata altrimenti. L’Albania non fa parte dell’Area Schengen e della Comunità Europea, quindi dovrete passare per il controllo dei documenti, sia in entrata nel paese che al ritorno in Italia.  Trovate tutti i dettagli sul sito di Viaggiare Sicuri.

Come raggiungere l’Albania dall’Italia

Con l’aereo

Il modo più rapido per raggiungere l’Albania è l’aereo, ci sono voli diretti per Tirana da diverse città italiane (Milano, Roma, Bologna, Firenze e altre) con diverse compagnie come Ryanair, Wizzair, Albawings, Air Albania e ITA. Dall’Aeroporto di Orio al Serio (BG), ad esempio, ci sono ben 3 voli al giorno per Tirana solo con Ryanair e sono molto economici. 

Con la nave

Ci sono collegamenti frequenti tra per Durazzo e per Valona da Ancona, Bari e Brindisi. Per vedere le tratte, gli orari ed i prezzi, e per acquistare il biglietto vi consiglio di utilizzare il sito Ferryhopper. L’isola di Corfù (Grecia) è praticamente attaccata alla costa albanese, quindi potete pensare anche di volare lì e poi raggiungere Saranda o Ksamil in traghetto (sono tanti e frequenti). 

Trovate tutte le informazioni sui luoghi da visitare in Albania nell’articolo Cosa vedere in Albania: un viaggio nel cuore dei Balcani

stradina di Argiocastro, Albania
stradina di Argiocastro, Albania

Quando andare in Albania

Il clima dell’Albania è molto simile a quello dell’Italia, con estati molto calde e inverni che possono essere molto rigidi, soprattutto all’interno e sulle Alpi Albanesi. L’alta stagione turistica coincide con i mesi di luglio e agosto, mesi che vi consiglio di evitare perchè, soprattutto la costa, si riempie a dismisura e avrete difficoltà a trovare anche solo un pezzettino di spiaggia per stendere l’asciugamano. Anche i prezzi in questi due mesi lievitano a dismisura. I periodi perfetti per visitare l’Albania sono maggio-giugno e settembre-ottobre, mesi in cui si riesce a godere sia del mare (l’acqua è già sufficientemente calda anche a maggio-giugno) che delle Alpi e delle zone interne. Non essendoci grandi strutture per praticare sport invernali, i mesi più freddi non sono molto consigliati. 

La moneta e il cambio: il Lek

La moneta ufficiale in Albania è il Lek e il cambio è molto semplice: 100 Lek equivalgono  a 1 euro (cambio giugno 2024). Gli euro sono spesso accettati, ma non ovunque. Vi consiglio di portare tanto contante e cambiare negli uffici di cambio (sono ovunque), piuttosto che prelevare. Le commissioni sui prelievi ATM (sia Visa che Mastercard) sono FOLLI. Nel migliore dei casi pagherete 7-8 euro di commissione fissa, ma può arrivare anche al 7-8%. Negli uffici di cambio, invece, non applicano commissioni. Le carte di credito sono abbastanza accettate a Tirana e nelle località turistiche, ma spesso è possibile utilizzare solo sopra certe cifre (non riuscite a pagare un caffè con la carta, per dire). Anche i musei di solito accettano solo contanti. 

La moneta albanese, il Lek
La moneta albanese, il Lek

Quanto si spende in Albania

In Albania, perlomeno finora, si spende abbastanza poco, paragonando i prezzi all’Italia. A luglio e agosto i prezzi sono sicuramente più alti, ma se ci andate, invece, nelle mezze stagioni, calcolate di spendere più o meno queste cifre:

  • Dormire: 25-30 euro a testa per una doppia in una struttura carina (sulla costa un pò di più)
  • Mangiare: 15-20 euro pasto medio al ristorante 
  • Noleggio auto: circa 25 euro/giorno 
  • Ombrellone e 2 lettini: 15 euro 
  • Escursione in barca (full day): 65-70 euro/persona

Potrebbe interessarti: Cosa vedere in Montenegro in 5 giorni

Berat di sera, Albania
Berat, Albania

Come spostarsi in Albania

Il modo migliore per spostarsi in Albania è l’auto, soprattutto se volete visitare tutto il paese come ho fatto io. Gli autobus ci sono e sono anche molto economici, ma comodi solo per spostarsi tra le località più grandi (Tirana, Durazzo, Valona, ecc). Noleggiare un auto costa poco (circa 25 euro al giorno) e le distanze sono abbastanza contenute (l’Albania è lunga 340 km). Le strade, soprattutto nel nord, non sono ben tenute, sono piene di buche, mentre nel sud, più turistico, sono messe meglio. Gli albanesi guidano male e non in modo sicuro, ve lo dico, bisogna fare molta attenzione alla guida! A parte questo, ci sono tanti lavori in corso ovunque, ed è chiaro che le infrastrutture miglioreranno molto nei prossimi anni. A breve, ad esempio, aprirà un tunnel che collegherà Dhermi a Valona, evitando di salire sul Monte Cica (2045 mt), con un bel risparmio di tempo. Per quanto riguarda il noleggio dell’auto, come sempre vi consiglio di prenotarla prima tramite Discovercars, perchè si risparmia non poco.

Grama Bay, Albania
Grama Bay, Albania

Sim card e internet

Non facendo parte della Comunità Europea, l’Albania non beneficia degli accordi sul roaming quindi se usate il vostro operatore rischiate di spendere una fortuna. Per ovviare a questo vi consiglio di optare per una sim locale, fisica o virtuale (e-sim). Costano molto meno delle offerte che potete avere con gli operatori italiani e la copertura è nettamente migliore. In particolare vi consiglio le e-sim di Airalo, che ho iniziato ad utilizzare da un pò di tempo e che trovo comodissime. Se il vostro cellulare le supporta (tutti i telefoni di ultima generazione lo fanno), potete acquistarla e attivarla già prima di partire. In questo modo non dovrete rinunciare al vostro numero italiano e quando atterrerete sarete già connessi! L’installazione è facilissima e inserendo il codice BEBORGHI avrete diritto ad uno sconto del 10%. Per quanto riguarda invece le sim fisiche, all’uscita dall’aeroporto di Tirana troverete i chioschi della Vodafone e di altri operatori locali per acquistarle, costano circa 26 euro (40G) o 30 euro (100G) e sono valide per un mese. Il wi-fi comunque lo troverete ovunque in bar, ristoranti e hotel. 

Potrebbe interessarti: Cosa vedere a Dubrovnik e dintorni, Mljet, Loput e Kolocep

Teatro di Butrinto, Albania
Teatro di Butrinto, Albania

Dove dormire in Albania

L’Albania si è aperta al turismo da pochissimo tempo (ricordiamoci che c’era la dittatura fino al 1991!) e questo si riflette sia nelle strutture che nei servizi. La situazione sicuramente migliorerà nei prossimi anni, ma al momento, soprattutto i servizi, sono abbastanza carenti. Di seguito trovate le strutture dove ho alloggiato io e che mi sento di consigliarvi, più qualcun altra che avevo selezionato.

  • Tirana – Artistic Tirana Blloku: piccolo hotel nel cuore di Blloku, la zona della movida. Molto carino, ma è meglio chiedere le stanze che danno sull’interno se ci andate nel week-end. 
  • Tirana – Cloud 5: struttura di fascia più alta, sempre a Blloku, più tranquilla.
  • Scutari – RUSTICO: struttura rustica, appunto, molto bella, soprattutto per la posizione rialzata sul lago, a 10km dal centro di Scutari. C’è la piscina. La strada per raggiungerla è sterrata.
  • Scutari – Hotel Loredano: Hotel in un palazzo storico nel centro di Scutari.
  • Berat – Xho’s Forest Guesthouse: piccola guest house con giardino sul fiume a 10’ a piedi dal centro di Berat. Colazione pazzesca.
  • Berat -Hotel Kapllani:   hotel in un bellissimo palazzo nel centro storico di Berat.
  • Argiocastro – Konaku Guest House: guest house con pochissime stanze in una casa-torre tipica di Argiocastro. Vista meravigliosa sul castello e sulla città.
  • Ksamil – Summer Point Hotel: struttura nuova a Ksamil, leggermente fuori dal casino.
  • Himare – Alex Boutique Hotel: piccolo hotel in posizione rialzata, a 5’ di auto dal centro di Himare. Terrazza con vista e colazione ottima. 
  • Vuno – Shkolla Hostel: ostello molto bello e molto bucolico nel paesino di Vuno. 
  • Dhermi – Hotel Imperial:  piccolo hotel con vista nel centro di Dhermi.
RUSTICO, Scutari
RUSTICO, Scutari
colazione alla Konaku Guest House, Argiocastro, Albania
colazione alla Konaku Guest House, Argiocastro

L’assicurazione medico-bagaglio per l’Albania

Tra gli aspetti da considerare, soprattutto quando si viaggia nei paesi extra-EU c’è l’assicurazione medico-bagaglio. In Albania la nostra copertura sanitaria non vale e il mio consiglio è quello di fare sempre una classica assicurazione medico-bagaglio che vi possa coprire durante il viaggio. Giusto recentemente, durante un mio viaggio in Georgia, mi sono rotta una caviglia e ho testato con mano tutti i vantaggi dell’avere un’assicurazione: si sono occupati egregiamente di tutte le pratiche per il mio rientro anticipato in Italia (rimborsi annessi). Nello specifico, io avevo un’assicurazione con Heymondo, un sito che confronta le polizze di diverse compagnie e propone la polizza più conveniente per quel determinato viaggio. Per farla dovrete inserire i dati relativi al vostro viaggio e vi manderanno una mail con la proposta migliore che potrete poi acquistare direttamente on-line (essendo miei lettori avrete diritto anche uno sconto del 10%!!!). Io mi sono trovata benissimo. 

Mappa con i punti del mio itinerario in Albania
Mappa con i punti del mio itinerario in Albania

Itinerario di 7 giorni in Albania

  1. Arrivo a Tirana
  2. Berat
  3. Argiocastro 
  4. Occhio Blu-Butrinto-Ksamil  (notte a Ksamil)
  5. Ksamil (mare)
  6. Himare/Dhermi (notte a Himare, Vuno o Dhermi)
  7. Tirana

Itinerario di 10 giorni in Albania

  1. A rrivo a Tirana
  2. Kruje-Scutari (notte a Scutari)
  3. Lumi-i-Shales o Theth (notte a Scutari)
  4. Berat 
  5. Argiocastro 
  6. Occhio Blu-Butrinto-Ksamil (notte a Ksamil)
  7. Ksamil (mare)
  8. Himare/Dhermi (notte a Himare, Vuno o Dhermi)
  9. Himare/Dhermi (notte a Himare, Vuno o Dhermi)
  10. Tirana

Avendo ancora più giorni a disposizione vi consiglierei di raggiungere anche il lago di Ohrid o Korce, o ancora aggiungere più giorni sulle Alpi Albanesi o sul mare, in base ai vostri gusti chiaramente.

vista di Dhermi, Albania
vista di Dhermi, Albania

Prova

Foto dell'autore
Scritto da:
Mi chiamo Valentina Borghi e sono una viaggiatrice esperta e una travel blogger / travel influencer full time dal 2018. Sono anche una nomade digitale e trascorro buona parte dell’anno in viaggio, da sola o accompagnando gruppi in giro per il mondo. Amo i vulcani, i deserti, il Sudamerica e l’Asia Centrale, amo i gatti, New York, l’astronomia, e la musica elettronica. Ho visitato 90 paesi del mondo e se mi chiedete qual è il mio viaggio della vita..decisamente l’Antartide!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.